NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

COMITATO DELLA FESTA DEI POPOLI: UN TESSUTO DI RELAZIONI

LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA DEL COMITATO “FESTA DEI POPOLI”*
“UN TESSUTO DI RELAZIONI”
 
Cari amici, vi raggiungiamo all’inizio di questo mese di ottobre, nel quale nei desideri del Comitato della Festa dei Popoli avrebbe dovuto esserci la terza edizione della Festa dei Popoli.
Per rispettare le norme di sicurezza, non potremo trovarci per festeggiare, ma noi del Comitato non ci siamo lasciati scoraggiare dalla situazione e abbiamo pensato ad una iniziativa alternativa.
Con essa vogliamo dare continuità ad una bella intuizione che due anni fa abbiamo avuto: sono le relazioni a creare una comunità “al plurale” vivace e solidale.
In un tempo difficile come quello che stiamo vivendo, in cui la pandemia ci ha impedito di trovarci, di entrare in contatto fisico gli uni con gli altri, vorremmo allora recuperare l’importanza delle relazioni, il valore inestimabile degli altri per la nostra vita, in una parola riscoprire che siamo una comunità.
La relazione con l’altro ci aiuta, infatti, a definirci come persone e come cittadini, ad imparare a voler bene e a lasciarsi amare, ad apprezzare il valore del dono, come anche a fare i conti col senso del limite in nome della libertà di tutti.
Certamente il primo luogo in cui sperimentare la relazione e la fraternità è la famiglia. L’iniziativa pensata dal Comitato della Festa dei Popoli parte proprio da qui.
Ogni famiglia di Costa, Nibionno e Bulciago sarà chiamata a preparare un tassello di un grande patchwork (che poi verrà suddiviso in parti), che vuole essere il simbolo di una comunità unita da relazioni belle. Ad un piccolo pezzo di stoffa, ogni famiglia affiderà il suo messaggio di fraternità e speranza, mettendo anche la firma di ogni componente. Nel decidere insieme cosa scrivere o cosa disegnare come famiglia, si sperimenterà la bellezza della relazione, della condivisione.
Il risultato sarà una sinfonia fatta di note positive, fantasione, che diffondono speranza, rispetto, amicizia, solidarietà, umanità.
Concretamente cosa ci sarebbe da fare?
Dall’11 ottobre al 31 gennaio, ogni famiglia di Costa, Nibionno e Bulciago potrà scrivere/disegnare su un pezzo di stoffa di cotone (colorato o bianco; di forma rettangolare; 30X21 cm) un messaggio che parli di fraternità, che sottolinei l’importanza delle relazioni, dei legami tra le persone. A ciò si uniranno le firme di ogni componente della famiglia (da chiunque sia composta, anche da una sola persona).
Il pezzetto di sfoffa con il messaggio andrà messo in appositi contenitori che lasceremo in diversi punti dei tre paesi (presso le scuole, le biblioteche, gli oratori, gli asili, la moschea …).
Con tutti i pezzi che raccoglieremo -speriamo che siano tanti- formeremo dei patchwork (delle mani gentili li cuciranno insieme), che nel mese di aprile una delegazione del Comitato della Festa dei Popoli porterà in una specie di pellegrinaggio della memoria in alcuni luoghi di Costa, Nibionno e Bulciago particolarmente significativi, che nel lockdown sono rimasti vuoti, hanno testimoniato la sofferenza, la fatica della nostra gente.
Contiamo davvero sulla vostra partecipazione all’inizitiva e sulla vostra capacità di coinvolgere tanti altri!
 
I membri del Comitato della Festa dei Popoli
 
*Comitato organizzatore costituito da referenti dell’Azione Cattolica di Costa Masnaga e Tabiago, dell’Associazione dei giovani musulmani “La Speranza”, dell’Assessorato ai servizi sociali di Costa Masnaga, dell’Assessorato alla Cultura e ai Servizi Sociali del Comune di Nibionno, della Commissione Biblioteca di Costa Masnaga, del Comitato per l’Inclusione dell’Istituto Comprensivo di Costa Masnaga, dell’Oratorio di Costa Masnaga e di Tabiago, del “Progetto Gemma” di Costa Masnaga, della Scuola dell’Infanzia Parrocchiale “Locati Beretta” di Costa Masnaga, della Scuola dell’infanzia “Don Luigi Boffa” di Tabiago, dell’UNITALSI di Costa Masnaga.